Tappa 9.
Balze - Sant'Agata Feltria

Balze – Eremo di Sant’Alberico – Madonna del Piano – Palazzo – Pereto – Sant’Agata Feltria

Dall’abitato di Balze ci dirigiamo perla via Marecchiese in direzione di Rimini. Poco dopo prendiamo lo stradello, a sinistra, in ripida salita. Dopo circa 600 metri svoltiamo a destra e poi di nuovo a destra, in discesa, verso l’Eremo di Sant’Alberico a circa due chilometri da Balze. L’eremo venne fondato da san Romualdo attorno all’anno Mille. È stato ricostruito da don Quintino Sicuro nel 1965, il sacerdote eremita di cui è in corso la causa di beatificazione. Qui regna una tranquillità da assaporare, in particolare per chi desidera ritrovare un po’ se stesso. La sosta, in religioso silenzio, è consigliata.

Dall’Eremo proseguiamo in discesa fino al parcheggio. Da qui si procede sulla strada asfaltata a destra, alla fine di questa di nuovo a destra e, poco dopo, prendiamo la strada sterrata sulla sinistra in direzione Palazzo.

Proseguiamo, seguendo la segnaletica,  su un percorso che si presenta a tratti sterrato, asfaltato o semplice sentiero. Dopo circa 8 chilometri raggiungiamo la località Palazzo (è possibile rifornirsi di acqua con una piccola deviazione di qualche centinaio di metri) e, dopo circa 1 chilometro, svoltiamo a destra su un sentiero che ci porta sulla strada asfaltata.

Proseguiamo sulla sinistra in direzione Pereto che troviamo, dopo circa 800 metri, sulla destra. Proseguendo ancora giungiamo alla fine di questa strada (2,5 chilometri da Pereto) prendiamo il sentiero a sinistra, dopo avere attraversato un’azienda agricola il sentiero diventa strada sterrata e intravediamo il paese di Sant’Agata Feltria, sulla destra.

 Proseguiamo sulla strada sterrata, che poi diventa asfaltata, per giungere, dopo circa 3 chilometri, al centro di Sant’Agata Feltria, una delle patrie italiane del tartufo.

Clicca sull'immagine della tappa per passare alla modalità interattiva

Punti di interesse

Balze
Sant'Alberico
Sant'Agata Feltria